CHAKASSIA

Una terra poco nota e fuori dalle grandi rotte turistiche. Proprio per questo affascinante e da scoprire. Taiga, steppe, monti, pianure, laghi e fiumi, la natura non farà mancare nulla al nostro esploratore. E saranno molte anche le sorprese e curiosità che non ci si aspetterebbe di trovare in una regione del mondo così poco rinomata.

Repubblica della CHAKASSIA

Vita eremitica nella taiga siberiana

Territorio e informazioni essenziali

E' più grande della Croazia (più di 60mila km2) con poco più di mezzo milione di abitanti (densità tra gli 8 e 9 ab/kms). Capitale Abakan, 180mila abitanti circa. Il territorio, per 2/3 ricoperto dalla foresta della Taiga siberiana, è caratterizzato da monti a sud che sfiorano quota 3mila metri, altopiani stepposi intermedi, laghi a nord e il fiume Enisej che delimita il confine est. Fuso orario di Krasnojarsk UTC+7. Lingue ufficiali: russo e chakasso.

Video di presentazione

Popolazione

Al censimento del 1926 i Chakassi erano circa la metà della popolazione, all'ultimo censimento del 2010 solamente il 12%. Questa diminuzione non è dovuta ad una diminuzione della popolazione, che anzi, è aumentata in valore assoluto (da 44mila a 64mila) ma dall'arrivo dei russi dopo la Seconda Guerra Mondiale per l'industrializzazione e collettivizzazione voluta dal Governo sovietico. Questa fu anche una delle zona di deportazione e insediamento forzato durante l'intero periodo di Stalin (6% di tedeschi del Volga). Gli odierni Chakassi discendono dai Kirghizi dell'Enisej, popolo turcomanno autoctono della regione. Parlano una lingua turco-orientale, e, se pur in origine di religione sciamanica, oggi sono in buona parte ortodossi. Lo sciamanesimo è comunque rimasto come parte della tradizione. L'alfabeto cirillico chakasso è composto da 39 lettere. Si stima che solamente 40mila persone circa parlino la lingua chakassa, che, per altro, ha ben 4 dialetti. Lingua, tradizioni ed identità chakasse sono di fatto a rischio estinzione ma il Governo regionale e quello Federale stanno cercando di stimolare il recupero di questa antica cultura.

Clima

Clima continentale con lunghi freddi inverni ed estati corti anche se possono essere anche molto calde. Temperature medie della Capitale a gennaio intorno ai -18C° e 25C° a luglio. Precipitazioni moderate - sui 320mm all'anno.

Storia

Queste erano le antiche terre di origine degli Unni, popolo nomade e guerriero le cui incursioni interessarono l'Impero Cinese dal II sec. a.C. al II sec. d.C e che tra il VI e V sec. li resero ben famosi anche in Europa. Lo spostamento man mano verso Ovest degl Unni lasciò il posto ai Kirghizi che, presi di mezzo tra Impero Cinese e Impero Russo, cedettero man mano ai secondi a partire dal XVII sec. La Chakassia venne a far parte ufficialmente delle Russia nel 1727, in seguito ad un accordo di spartizione tra i due grandi imperi continentali. I confini con l'Impero cinese tuttavia divennero effettivi solo a partire da metà XVIII sec. quando a protezione delle frontiere vennero posti i guerrieri Kazaki (Cosacchi). Durante il periodo sovietico la Chakassia ebbe riconosciuta solo una modesta autonomia regionale mentre lo status di Repubblica lo ottenne solo nel 1992 dopo la nasciata della Federazione.

Ordinamento

L'autonomia chakassa è molto recente e tutt'ora in divenire: solo nel 1995 venne adottata la Costituzione, a fine 2006 scelto l'emblema e nel 2015 l'inno nazionale. Il Parlamento è composto da 50 deputati eletti metà con sistema proporzionale, metà con collegi uninominali. Il Capo della Repubblica viene eletto a suffragio universale con sistema a doppio turno. Il Capo attuale (Valentin Konovalov) è stato eletto nel 2018 e con i suoi soli 31 anni, è uno dei più giovani della Federazione.

Economia

Pesca (l'Enisej è un fiume molto ricco), agricolutra (anche se il clima permette una gamma di coltivazioni limitata) e allevamento (sopratutto cavalli) sono alla base dell'economia. La regione è però famosa per l'industria siderurgica della produzione e lavorazione dell'alluminio e per le numerose centrali ideoelettriche - la diga di Sajano-Šušenskaja è la più grande centrale idroelettrica di tutta la Federazione. Il turismo qui ha un mercato di sola nicchia - amanti della natura incontaminata, relax, caccia o pesca.

Curiosità

• Il popolo Okunev abitava queste terre già circa 5mila anni fa e pare si trattasse del gruppo etnico siberiano più strettamente imparentato con i nativi americani. In pratica antenati comuni dei moderni chakassi potrebbero aver popolato l'America circa 13.000 anni fa attraversando la Beringia ghiacciata. A testimoniarlo, a parte gli studi sul DNA, sarebbero anche usi comuni come totem di pietra, rituali di sepoltura simili e scritture rupestri rinvenute in abbondanza nella regione.
• Il 17 agosto del 2009 la centrale idroelettrica di Sajano-Šušenskaja subì un gravissimo incidente nel quale morirono 75 persone. Fu la più grande catastrofe idreogeologica della Russia con conseguenze anche ambientali e gravissimi danni economici per la Repubblica.
• Questa è una delle mete di vacanza estiva preferite dal Presidente Putin (insieme a Tuva e in generale la Siberia) - a dimostrazione che si tratta di una meta ideale per il relax ed il contatto con la natura ma anche che lo è proprio perchè ben lontana dal turismo di massa.
• L'Ayran è una bevanda a base di latte fermentato tipica di tutti i popoli di origine turcomanna e quindi anche qui in uso, il Talgan è invece un prodotto tipico più caratteristico siberiano e considerato piatto nazionale. Si tratta di un impasto a forma di sfera e dalla consistenza solida composto da cereali macinati, tostati e miscelati con latte, burro, noci, ciliege, brodo o quant'altro a seconda dei gusti.

QUIZ

1 / 10

Sapresti individuare la Repubblica della CHAKASSIA sulla carta geografica?

Link utili per curiosità e approfondimenti sulla Repubblica della CHAKASSIA

Sputnik Italia, Alessio Trovato